Dennis Oppenheim, tra Body Art e Land Art
Rossella Ghezzi
13/05/2003 Corriere della Sera

Body Art and Land art, or rather the language of the body and the one of the nature, are the fields within Dennis Oppenheim worked at the end of the '60.

The works of the American Artist (1938, Electric City, Washington) are on display at the Ierimonti Gallery, in the new seat of via Gustavo Modena, with the presence of the artist at the opening of the show. For the occasion Oppenheim realized a new installation. On display works and photographs documenting interventions Land Art of the 60s, in which the diagonal and straight cuts are plotted as a drawing on a large scale on the surfaces of fields and grasslands.

The cut, huge rut, overwhelms any natural obstacle, sparse dry grass, cracking the ground, it breaks the ice mantle. A gesture is essential that, from the macro scale of the environment, he moved to the circumscribed area of ​​the body, giving rise to simple actions and remains, as shown in film projection of Body Art exhibited at the Whitney Museum in New York.

 

 

 

La Body Art e la Land Art, ovvero il linguaggio del corpo e quello della natura, sono le dimensioni entro le quali Dennis Oppeheim ha operato alla fine degli anni '60.

Le opere dell'artista americano (nato nel 1938 ad Electric City, Washignton) sono in mostra alla Ierimonti Gallery, che inaugura la nuova sede di via Modena, 15, presente l'artista. Per l'occasione Oppenheim ha realizzato una nuova installazione. In mostra lavori e fotografie che documentano interventi di Land Art degli anni '60, nei quali tagli rettilinei e diagonali sono tracciati come un disegno su larga scala sulle superfici di campi e praterie.

Il taglio, enorme solco, travolge ogni ostacolo naturale, rade l'erba secca, fende il terreno, ne squarcia il manto ghiacciato. Un gesto essenziale che, dalla scala macro dell'ambiente, si trasferisce a quella circoscritta del corpo, dando vita ad azioni semplici e spoglie, come mostra la proiezione di film di Body Art esposti al Whitney Museum di New York.